4 errori da evitare se vuoi promuovere i tuoi prodotti finanziari attraverso i social network

By Federico Fancinelli - 3 ottobre 2016

4_errori_comuni_di_chi_vuole_vendere_prodotti_finanziari_attraverso_i_social_network.png

I social media negli ultimi anni hanno rivoluzionato completamente il modo di fare marketing. Se è vero che in passato usare un profilo Linkedin o Facebook per promuovere la tua azienda sarebbe stato considerato un comportamento visionario, oggi verresti etichettato come folle se ti rifiutassi di farlo.

Al giorno d’oggi tutte le imprese necessitano di avere una presenza online, i consumatori se lo aspettano e rimangono delusi quando ciò non accade. Anche se questo è vero per la maggioranza dei settori, in un’industria dalle regole rigide come quella finanziaria stabilire una presenza in rete potrebbe essere più complesso di quanto si pensi. Molti degli istituti finanziari che si imbattono nei Social per la prima volta, cadono presto nella trappola di diventare troppo auto-promozionali, ottenendo effetti opposti a quelli desiderati ed abbandonando subito il progetto.

La verità è che nonostante i rischi, è comunque necessario essere lì dove sono i tuoi clienti. Si stima che nel 2015, l’81% degli investitori ad alto reddito abbia utilizzato i Social Media su base regolare, ed il dato è destinato ad aumentare con gli anni che passano e la tecnologia che avanza.

La più comune difficoltà che si incontra facendo Marketing Finanziario è senza dubbio iniziare. Il primo passo è di solito lungo e doloroso, ma esistono strategie che ti aiuteranno a tenere salda la barra del timone mentre ti avventuri nelle sconosciute acque dei Social Media per la prima volta.

Ecco qualche consiglio per evitare scivoloni.

Errori da evitare se vuoi vendere i tuoi prodotti finanziari attraverso canali social

1. Ignorare cosa sta facendo la concorrenza

Fare un’approfondita analisi del lavoro svolto dai competitors è sempre un buon modo per tracciare le basi della propria strategia. Prima di tutto utilizza i tuoi mezzi di Analytics per capire quali canali portano traffico sul tuo sito web, poi concentrati sul lavoro che la concorrenza ha fatto su quei canali e prendi appunti su ciò che reputi giusto o sbagliato.

  • Cosa attira maggiormente i consumatori?
  • Quale giorno/ora sembra essere il momento più efficace?
  • Quali argomenti sono i più gettonati?
  • Che tipo di immagini e hashtag usano?
  • Utilizzano un tono simpatico e amichevole o serio e professionale?
  • Quale immagine di profilo e di copertina hanno scelto?
  • Come si presentano al pubblico?

    I Social Media più utilizzati in ambito finanziario in Italia sono indubbiamente Linkedin e Facebook. Esistono anche speciali Tools che ti permettono di semplificare l’analisi dei concorrenti su queste piattaforme, rendendo ancora più semplice questa fase.

2. Concentrarsi più su se stessi che sui clienti

Una delle regole d’oro dei Social Media è di non abusare mai di contenuti auto-promozionali. Ad una festa, nessuno trova interessante quel tizio che parla solamente di se stesso, no? La stessa cosa vale online, dove qualche contenuto promozionale è lecito, ma la maggioranza deve riguardare altri soggetti.

Anche rendere il contenuto più personale possibile è un’ottima idea per aumentare il coinvolgimento.
Prendiamo l’esempio di MoneySavingExpert.com, un sito di informazioni finanziarie: questa compagna ha aperto due profili Twitter, uno ufficiale dell’impresa ed uno personale del fondatore. Ebbene, nonostante il profilo personale sia stato aperto due anni dopo il primo, conta già il doppio dei followers ed i contenuti postati generano molte più azioni da parte del pubblico.

Questo per dire che metterci la faccia è una grande fonte di fiducia per il proprio brand, soprattutto in ambito finanziario dove i clienti sono sempre più scettici nei confronti degli istituti.

Qual è quindi la misura giusta tra contenuti auto-promozionali ed il resto? Una buona proporzione per iniziare è di postare una promozione per ogni 10 contenuti diversi. Chiaramente la misura più efficiente la troverai solamente con l’esperienza, studiando il comportamento del tuo pubblico con Analytics e provando diverse combinazioni.

3. Illudere i consumatori con false promesse

Una delle tentazioni più forti nel mondo dei Social, soprattutto quando hai appena iniziato e sei assetato di visualizzazioni e commenti, è quella di impressionare il pubblico con grafici e statistiche incredibili, che però magari rappresentano solo una proiezione ma vengono spacciate come reali. La strategia dell’ ”engagement ad ogni costo” può portare sì risultati nel brevissimo periodo, ma prima di quanto pensi il tuo pubblico ci farà il callo e perderai la sua fiducia permanentemente.

Oltre a questo, esistono anche importanti rischi legali nel comunicare notizie “gonfiate”. Per questo è sempre d’obbligo includere una liberatoria che metta bene in chiaro i rischi di certi investimenti o prodotti finanziari.  

4. Trascurare il potenziale di Linkedin

Se ancora non l’hai fatto, apri subito un account di Linkedin per tua impresa. Con tutta probabilità, quando un cliente vuole verificare la tua presenza online, Linkedin è il primo posto dove verrà a cercarti. Questo è vero per le imprese in generale ma soprattutto per gli istituti che trattano di finanza, dove una piattaforma professionale come Linkedin può fornire un’immagine seria e completa della tua compagnia.
Oltre all’account ufficiale dell’impresa, assicurati di collegarci immediatamente i profili personali di dirigenti e dipendenti, perché  la presenza umana e personale è la fonte principale di fiducia online, e la fiducia è il motore che spinge il pubblico a seguirti sui social, ad appassionarsi ai tuoi valori, ed infine a comprare i tuoi prodotti.


Inoltre assicurati sempre di istruire il tuo staff a seguire un comportamento online conforme ai valori dell’azienda. Oltre a causare discordanza e confusione tra i consumatori,  se gli impiegati pubblicano contenuti ingannevoli o fuorvianti l’azienda ne sarà ritenuta legalmente responsabile.  

L’utilizzo dei Social Media nell’industria finanziaria può sembrare frustrante ed eccessivamente impegnativo, ma di fatto rimane una parte vitale di ogni strategia di Digital Marketing. Avvicinarsi ai consumatori tramite Social permette di stabilire con loro un legame più profondo personale e fidato, rendendo più semplice il processo che porta alla vendita.

 

Guida inbound marketing per imprese finanziarie

Iscriviti alla newletter "Grow Togheter", ogni mese i nostri migliori articoli su Digital Marketing & Sales, e tutte le opportunità di finanziamenti e bandi per far crescere il tuo business.

Non dimenticare di condividere questo post!