Esc Digital Engagement Agency
Entra in contatto con noi.

9 best practice per il marketing B2B su Linkedin

By Federico Fancinelli - 14 dicembre 2016

linkedin_per_aziende_btob.jpg

Ormai non è più un segreto, i Social Media oggi sono parte integrante della vita di ogni business di successo. Saper sfruttare il potenziale di queste piattaforme molto spesso rappresenta un punto di svolta per il proprio brand, ma bisogna saperlo fare.

Fra tutti i social disponibili, sicuramente Linkedin è tra quelli che ti offre prospettive di crescita migliori, soprattutto se hai un business B2B. Vediamo subito qualche dato interessante emerso da una ricerca di Entrepreneur:

  • Linkedin è al primo posto tra i social che portano traffico ai siti aziendali.

  • I membri di Linkedin hanno il 50% di possibilità in più di entrare in contatto con una impresa se essa è iscritta al social.

  • Linkedin porta un traffico ai blog B2B che è superiore a quello di Facebook, Twitter e Google+ messi insieme.

  • Il 93% dei marketers ritiene Linkedin efficace per generare leads

  • Il 65% delle imprese ha ottenuto delle leads B2B grazie a Linkedin.

Per massimizzare la propria efficacia su Linkedin bisognerà quindi essere più orientati verso il B2B. Anche se Facebook rimane il Social Media campione indiscusso per la comunicazione al consumatore finale, non dimentichiamoci che i 200 milioni di professionisti iscritti a Linkedin sono anch’essi consumatori.

Il modo migliore per potenziare la presenza su Linkedin è quello di partire dalla cura del proprio profilo. Ecco a te 9 Best Practice che ti aiuteranno ad aumentare l’engagement.

Linkedin aziende: 9 best practice per il business B2B

1. Usa un’immagine di copertina di qualità

Anche se può sembrare una cosa stupida, in realtà non lo è affatto. Un libro non dovrebbe essere giudicato dalla copertina, ma in realtà questo è ciò che accade ovunque ogni giorno. Che tu lo voglia o no la copertina è la prima cosa che i tuoi visitatori noteranno, quindi assicurati che sia di alta qualità, ad alto impatto ma non troppo complessa.

Prendiamo AppleOne come esempio. Il profilo di questa compagnia per l’impiego appare ben curato, l’immagine di copertina ha una grafica pulita ed esprime in modo eccellente la mission d’impresa.

appleone-linkedin-page.png

2. Ottimizza il tuo profilo per i motori di ricerca

Ricordati che sia il motore di ricerca interno di Linkedin che i motori di ricerca come Google, utilizzano come chiave di ricerca le parole che utilizzi su Linkedin per descrivere la tua attività. Ottimizza le descrizioni delle varie sezioni con i termini per i quali intendi essere trovato.

3. Pubblica contenuti

Come regola generale per fare marketing in questo secolo, se non pubblichi contenuti non andrai da nessuna parte. Linkedin non è esente da questa regola. Per interessare il pubblico devi pubblicare aggiornamenti frequenti, focalizzandoti sulle tue aree di competenza. Tra le tipologie di contenuto che ti daranno più visibilità in assoluto si trovano gli annunci di lavoro. Se hai un blog, condividi i post che potrebbero interessare un pubblico di professionisti. Aggiornamenti, news e raccolte di dati che riguardano il tuo settore sono molto gettonati sulla piattaforma. Come sempre è importante non creare contenuti che siano prettamente auto-referenziali. Questo tipo di post otterranno l’effetto opposto a quello desiderato, facendoti perdere l’interesse di chi ti segue.

4. Crea una o più pagine “showcase”

Se la tua compagnia offre più di un prodotto, oppure hai necessità di promuovere un particolare ramo dei tuoi servizi, allora approfitta delle pagine showcase. Esse fungono da estensione del tuo profilo di Linkedin, ma conterranno informazioni dettagliate solamente su un particolare prodotto o servizio del tuo business. 

showcase_linkedin.png

Le showcase page sono utili non solo per migliorare l’aspetto e l’organizzazione del tuo profilo, ma anche da un punto di vista di analisi in quanto ti permetteranno di raccogliere informazioni mirate riguardo al pubblico interessato ad un tuo particolare prodotto.

5. Genera un network attivo

 Il tuo profilo di Linkedin non deve limitarsi solamente ad essere una pagina rappresentativa del tuo brand, ma anche della gente che lavora per esso. Le pagine profilo dei tuoi dipendenti hanno un incidenza elevatissima sulla reputazione dell’impresa online. Istruisci quindi i dipendenti, soprattutto quelli che lavorano nel marketing e vendite, a mantenere sempre curato il proprio profilo, creare relazioni, pubblicare contenuti e promuovere il brand in prima persona.

6. Aggiungi una sezione “lavora con noi”

Ricorda che Linkedin nasce principalmente come piattaforma relazionale per professionisti. Aggiungere una sezione “career” non solo ti permetterà di attrarre persone interessate alla tua impresa e ai tuoi progetti, ma renderà anche la presenza del tuo profilo su Linkedin più organica e meno forzata. Assicurati infine che la sezione sia collegata alla rispettiva pagina del tuo sito e viceversa.

7. Sperimenta con Linkedin Ads e gli aggiornamenti sponsorizzati

Se vuoi dare una spinta ai tuoi sforzi di marketing su Linkedin dovresti considerare Linkedin Ads. Uno dei benefici più grandi dell'advertising su Linkedin? Le opzioni di targetizzazione. Gli Ads PPC di Linkedin ti permettono di targetizzare titoli di lavoro specifici, ruoli aziendali, settori merceologici, o dimensioni dell'azienda, in breve le persone a cui vorresti vendere o di cui hai bisogno.

linkedin_target_ads.jpg

8. Usa Linkedin Pulse per tenere traccia di news e trend del tuo settore

Cos'è Linkedin Pulse? È il Blog di Linkedin. Pulse è una sezione straordinaria di Linkedin dove puoi scoprire articoli di tendenza e contenuti ritagliati sui tuoi interessi. Scegli i post migliori per monitorare gli argomenti e gli influencers più popolari di Linkedin, o i canali che hanno articoli legati alla tua attività per essere sempre aggiornato sulle novità più importanti. Apri questo link per scoprire Linkedin Pulse.

Crea un gruppo Linkedin del tuo settore ed entra in altri gruppi popolari

Valuta di creare un tuo Gruppo di Linkedin, come fa ad esempio Hubspot con l'Inbound Marketing Group. Crea un gruppo basato su argomenti rilevanti del tuo settore industriale, e diventa l'amministratore del gruppo. A questo punto puoi anche usare il gruppo per porti come un leader di pensiero del tuo settore, far crescere una community dipersone che sostengano e promuovano il tuo brand/prodotto/contenuto, sviluppare nuove idee su contenuti marketing, e anche generare nuovi lead.
Considera anche di entrare a far parte di altri gruppi rilevanti e partecipare alle discussioni per mostrare la tua leadership nel tuo settore.

Nonostante Linkedin nasca come piattaforma B2B, tieni sempre a mente che anche i professionisti lì presenti sono consumatori e quindi hanno famiglia, amici, e persone con le quali condividono le proprie impressioni ed esperienze.

Se il tuo profilo aziendale è ben curato e la tua strategia è efficace, allora Linkedin diventerà un’eccezionale mezzo a tua disposizione per generare Lead, oltre che aggiungere un tocco di professionalità in più al tuo brand.

 

 

Vuoi avere a tua disposizione tutte le best practice dei principali social network come Facebook e Linkedin? Allora scarica gratuitamente la nostra raccolta SOCIALTIPS!

Scarica Social Tips gratuitamente

Non dimenticare di condividere questo post!

Voglio ricevere gli articoli del blog tramite email